Come scegliere una crema antirughe?

Come scegliere una crema antirughe?

Se vuoi combattere o prevenire le rughe, di solito cerchi delle buone creme antirughe. Creme che devono contenere alcuni ingredienti che con i loro principi attivi possono davvero attenuare le rughe e ridonare alla tuia pelle la giusta elasticità e la freschezza di un tempo. Alcune persone acquistano creme antirughe senza soffermarsi a leggerne gli ingredienti, nella speranza che quelle creme possano ridurre i danni sulla pelle.

Come scegliere una crema antirughe che funzioni

Prima di tutto fai attenzione a ciò che compri: alcune creme antirughe sono equiparabili a semplici cosmetici, non sono state sottoposte a rigorosi controlli e test di sicurezza ed efficacia. I loro effetti quindi sono lievi. Quando devi acquistare una crema antirughe, ti consiglio di considerare i seguenti punti:
  • Costi: non è detto che una crema antirughe costosa sia davvero efficace sulla tua pelle. Il prezzo può dipendere da tanti fattori.
  • Ingredienti: una crema antirughe senza gli ingredienti evidenti sull’etichetta e sulla confezione potrebbe contenere concentrazioni più basse di principi attivi, quindi è normale aspettarsi risultati inferiori e anche di durata più breve rispetto alle altre creme.
  • Effetti collaterali: leggi bene le istruzioni all’interno della confezione, perché alcuni prodotti antirughe possono causare irritazioni sulla pelle, arrossamenti, eruzioni cutanee, perfino bruciori. Altri prodotti causano reazioni allergiche o anche acne.
  • Rispettabilità dell’azienda: assicurati anche che la crema antirughe che acquisti sia prodotta da un’azienda ben conosciuta, ben recensita, che ti possa quindi garantire la sicurezza del prodotto.
Ma non finisce qui. Questi sono i punti essenziali, fondamentali, di cui devi tenere conto prima di affidare la tua pelle a una crema antirughe. Considera la tua pelle: se una crema antirughe funziona sulla pelle di una tua amica, non significa che abbia gli stessi effetti benefici sulla tua. Ogni persona ha un proprio tipo di pelle, ogni pelle ha le sue esigenze e uno stesso prodotto non può funzionare per tutti.

Hai bisogno di una crema antirughe?

Scrivimi o passa a trovarmi al mio centro estetico e potrò darti consigli più specifichi sulla crema adatta alla tua pelle.

Come prenderti cura della pelle dopo l’estate

Come prenderti cura della pelle dopo l’estate

Sei stata al mare durante le vacanze estive? Sai cosa succede alla tua pelle con i bagni di sole, il cloro, la salsedine, il vento e l’aria? La pelle diventa ruvida e callosa, si ispessisce, si screpola, anche. I segni di invecchiamento, se non intervieni per tempo, si fanno sempre più evidenti.

A causa delle radiazioni ultraviolette del sole, poi, si riducono le fibre di collagene, che fanno da supporto alla nostra pelle e ne garantiscono l’elasticità. Soprattutto, dopo le forti abbronzature, molte persone lamentano la comparsa di macchie scure e lentiggini.

Come prendersi cura pelle dopo lo stress dell’estate?

Ecco alcuni consigli che puoi seguire per ridare alla tua pelle nuova vita ed elasticità dopo che l’azione del sole e degli altri agenti atmosferici l’hanno un po’ “maltrattata”.

  • Un peeling per restituire luminosità e freschezza alla tua pelle: il peeling stimola il flusso sanguigno, quindi aiuta la rigenerazione della pelle. Prodotti idratanti, come l’acido ialuronico e l’aloe vera sono ideali per rendere fresca e luminosa la pelle.
  • Riduci l’iperpigmentazione: prodotti che contengono vitamina C, acido salicilico, ma anche prodotti a base di estratti di foglie di olivo possono eliminare l’eccesso di melanina che ha causato l’iperpigmentazione.
  • Antiossidanti e schermi solari: l’estate è finita, non sei più in vacanza ad abbronzarti al mare, ma questo non significa che devi smettere di proteggere la tua pelle dall’azione nociva del sole. Specialmente se devi trascorrere una giornata all’aperto, usa sempre una protezione solare, ne esistono per ogni tipo di pelle. Se devi uscire, preferisci le ore più fresche e non quelle di punta, se puoi evitarlo.
  • Usa un prodotto esfoliante: elimina le cellule vecchie dalla superficie della tua pelle. Uno scrub per il corpo rimuove le cellule morte e lascia la tua pelle morbida e liscia.
  • Non dimenticare il collo, le labbra e la zona attorno agli occhi: subiscono gli stessi danni del resto del corpo. Specialmente le labbra sono suscettibili a secchezza e screpolature.

Una visita a un centro estetico ti garantisce migliori risultati: vieni a trovarmi e potrò consigliarti meglio sui trattamenti più indicati per la tua pelle.

Gambe gonfie: rimedi e consigli

Gambe gonfie: rimedi e consigli

Calze che diventano improvvisamente strette, pantaloni che ci sembrano di una taglia in meno… cosa succede? Dobbiamo cambiare il guardaroba? No, questo è un caso di gambe gonfie.

Ci sono anche altri sintomi legati al gonfiore delle gambe:

  • dolore
  • intorpidimento
  • rossore
  • prurito
  • eruzione cutanea

Ma perché si gonfiano le gambe? Essenzialmente per 2 ragioni:

  1. Ritenzione idrica: i tessuti e i vasi sanguigni delle gambe trattengono più liquidi del dovuto. Succede quando le gambe sono state sottoposte a lungo stress (ore e ore in piedi o anche sedute senza muoversi) o per mancanza di movimento ed esercizio fisico o anche per sovrappeso.
  2. Infiammazione: i tessuti delle gambe possono irritarsi e gonfiarsi per una frattura o per la rottura dei legamenti o anche, nei casi peggiori, per una malattia infiammatoria.

Rimedi contro le gambe gonfie

Se fai una vita sedentaria, puoi fare a case una serie di esercizi per migliorare la circolazione sanguigna negli arti inferiori.

  • Camminare: camminando, eserciti le gambe e i fluidi che si sono raccolti vengono reindirizzati altrove, riducendo il gonfiore.
  • Sollevare le gambe: da sdraiata, sul letto, puoi tenere le gambe tese e poi fletterle, oppure in piedi, tenendoti allo schienale di una sedia, portare indietro la gamba senza piegarla.

Al centro estetico contro le gambe gonfie

Ci sono dei rimedi efficaci a cui puoi sottoporti se hai un problema di gonfiore alle gambe visitando un centro estetico.

Uno è il massaggio linfodrenante, di cui ho già parlato nel blog. Perché questo massaggio è utile per le gambe gonfie?

Il massaggio linfodrenante stimola i fluidi linfatici delle gambe, rimuove le tossine in eccesso che si sono accumulate nei tessuti e riduce la ritenzione idrica. È un massaggio che rilasserà le tue gambe, riducendone il gonfiore.

Un altro ottimo rimedio è la coppettazione: è un’antica terapia che si esegue posizionando sulla pelle delle gambe una serie di tazze, che aspirano l’aria creando il vuoto. Questa azione stimola la circolazione sanguigna e il movimento dei fluidi, attenuando l’infiammazione e il gonfiore.

Hai un problema di gambe gonfie? Scrivimi oggi stesso e troveremo insieme la soluzione adatta.

Le creme antirughe funzionano?

Le creme antirughe funzionano?

Hai anche tu problemi di rughe? Conoscere le rughe, intanto, come si formano e perché appaiono, è il primo passo da seguire se vuoi combatterle. Molte mi chiedono quali prodotti cosmetici usare, quali creme antirughe scegliere. Esiste una risposta a queste domande?

Le creme antirughe funzionano, possono anzi funzionare se consideri prima di tutto che non possono fare miracoli: iniziare a usare una crema antirughe a 80 anni, per fare un esempio estremo, non darà certo i benefici che ci si aspetta.

Sono comunque importanti gli ingredienti delle creme antirughe, perché svolgono una funzione decisiva, grazie ai loro principi attivi, nel ridonare idratazione e tono alla tua pelle.

Ingredienti comuni nelle creme antirughe

Ecco alcuni ingredienti comuni delle creme antirughe che possono davvero migliorare l’aspetto della pelle:

  • Vitamina C (acido ascorbico): antiossidante, protegge la pelle dai radicali liberi che causano le rughe. Ma la vitamina C protegge la pelle anche dai raggi solari.
  • Niacinamide: è un potente antiossidante, riduce la perdita di idratazione e migliora l’elasticità della pelle.
  • Idrossiacidi: rimuovono le cellule morte della pelle, stimolando la formazione di nuova pelle, liscia e pigmentata uniformemente.
  • Peptidi: stimolano la formazione di collagene, migliorando la struttura della pelle.
  • Estratto di semi d’uva: hanno proprietà antinfiammatorie e antiossidanti e favoriscono la produzione di collagene.
  • Coenzima Q10: riduce le rughe attorno agli occhi e protegge la pelle dai danni del sole.
  • Retinoidi: composti della vitamina A (retinolo e acido retinoico), aiutano la pelle danneggiata dal sole.
  • Estratti di tè: il tè verde e nero contengono composti antiossidanti e antinfiammatori.

Abitudini da prendere se usi creme antirughe

Le creme antirughe miglioreranno l’aspetto della tua pelle in funzione della frequenza con cui le usi, dalle qualità degli ingredienti e dal tipo di rughe che cuoi trattare.

Ma non è tutto: se vuoi combattere le rughe e beneficiare degli effetti delle creme antirughe, devi prima di tutto cambiare regime di vita:

  • Proteggi la tua pelle dal sole: esporre la pelle all’azione dei raggi ultravioletti accelera il processo di invecchiamento della pelle, causando non solo rughe ma anche macchie. Inutile usare la sera la crema antirughe, se poi di giorno maltratti la tua pelle lasciandola esposta ai raggi dannosi del sole.
  • Non fumare: fumare danneggia il collagene e le fibre di elastina.

Vuoi usare una crema antirughe? Contattami e ti aiuterò a trovare un piano personalizzato per la tua pelle.

La biostimolazione

La biostimolazione

Con il passare degli anni e anche a causa di diversi fattori la nostra pelle invecchia, perde elasticità, iniziando a mostrare solchi dapprima appena visibili e infine sempre più accentuati: le tanto temute rughe!

Tutte noi vogliamo evitare o, meglio, prevenire l’invecchiamento cutaneo, ricorrendo a creme e altri trattamenti estetici per recuperare l’aspetto giovanile e fresco della nostra pelle, ridonandone elasticità e morbidezza.

Cosa possiamo fare? Oggi ti parlo di un altro trattamento antietà: la biostimolazione.

Che cos’è la biostimolazione?

La biostimolazione è un trattamento medico-estetico che recupera e mantiene la pelle giovane e liscia, riorganizzando e ricostruendo la struttura cutanea, grazie all’aumento dell’idratazione della pelle e delle fibre di sostegno. Svolge quindi un’azione sia correttiva sia preventiva.

Funziona quindi come un’autorigenerazione della pelle e può essere effettuata sia sul viso sia sui altre parti del corpo. Previene il rilassamento dei tessuti e l’invecchiamento cutaneo.

Quando è necessaria la biostimolazione

Tu dirai: appena appaiono le prime rughe!

In realtà la biostimolazione è utile anche e soprattutto per prevenirle. È un trattamento che combatte ogni inestetismo del viso e del corpo, non solo rughe, ma anche macchie sulla pelle e problemi di disidratazione della cute, aree particolari del corpo come l’interno delle braccia e il dorso delle mani, e perfino la presenza di acne.

Non è quindi un trattamento estetico cui ricorrere in età avanzata, ma anche da giovani, se vogliamo mantenere la nostra pelle idratata ed elastica.

Come funziona la biostimolazione

Per il trattamento estetico della biostimolazione, non invasivo, utilizzo il cosiddetto biostimolatore: uno strumento che, grazie a una serie di micromassaggi, aumenta l’idratazione a livello cellulare, stimolando una maggiore produzione di collagene.

Utilizzo 2 tipi di biostimolatori:

  1. Fotostimolatore: emissione di luce che modula l’attività cellulare. Le cellule della pelle assorbiranno i fotoni, ripristinando la funzionalità e il ringiovanimento della cute. È un trattamento sicuro, non tossico né invasivo e non ha effetti collaterali. Il fotostimolatore usa specifiche lunghezze d’onda della luce, producendo un effetto terapeutiche sulla pelle. Migliora le prestazioni delle cellule dei fibroblasti e aumenta la produzione di collagene ed elastina nel tessuto connettivo.
  2. Biostimolatore con ozono: possiamo chiamarla ozonoterapia. L’azione dell’ozono migliora la replicazione delle cellule, rendendo la pelle vitale e fresca. Anche questo trattamento non presenta effetti collaterali né controindicazioni, ma è un procedimento del tutto naturale.

I benefici della biostimolazione

Gli effetti biologici della biostimolazione sono:

  • un miglioramento della struttura della pelle
  • un miglioramento della vascolarizzazione
  • la diminuzione della profondità delle rughe
  • l’aumento del tono della pelle

Grazie a questi effetti la pelle si mantiene sana, fresca, giovane, proprio in virtù dell’ossigenazione dei tessuti, che ridonano compattezza alla pelle.

Ti ha incuriosito la biostimolazione? Contattami e parliamone!

Come nascono le rughe?

Come nascono le rughe?

Sintomo di invecchiamento? No, le rughe non sono soltanto un processo naturale del nostro corpo che invecchia. Anche i movimenti stessi dei muscoli del viso – che producono le espressioni – producono le rughe. Ma una delle cause è la lunga e continua esposizione al sole.

Insomma, come nascono le rughe del nostro viso? Ecco le cause che le producono.

Le cause che portano alla formazione delle rughe

Vediamo ora nel dettaglio quali sono tutti i fattori che causano le rughe nel nostro corpo.

  • Età: è facile immaginare che la nostra pelle, con l’avanzare dell’età, perda elasticità e diventi più fragile. Il grasso stesso, negli strati più profondi della pelle, diminuisce, causando flaccidità e cedimenti e rendendo le pieghe della pelle più pronunciate.
  • Esposizione ai raggi ultravioletti del sole: la radiazione solare accelera il processo di invecchiamento della pelle e la conseguente formazione di rughe. Perché avviene questo? Perché la luce ultravioletta distrugge il tessuto connettivo della pelle, quindi le fibre di collagene e l’elastina. Venendo a mancare il tessuto connettivo, la pelle perde la sua flessibilità.
  • Mancanza di sonno: dormire il giusto numero di ore aiuta il corpo a rilassarsi e a rigenerarsi. E anche la pelle beneficia del sonno. La mancanza di sonno altera il pH della pelle. Durante il sonno, poi, il corpo espelle le tossine.
  • Fumo: perché fumare fa male alla nostra pelle? Il fumo influisce sull’ossigenazione della pelle, rendendola povera di vitamine, nutrienti e minerali. Il fumo inoltre distrugge il collagene e l’elastina, specialmente se si è fumatori incalliti.
  • Stress: aumenta il livello di colesterolo, che impedisce alla pelle di trattenere tutta l’umidità di cui ha bisogno per restare idratata.
  • Espressioni facciali: come abbiamo accennato, le espressioni sono prodotte dai muscoli del viso, dai loro movimenti, che creano dei solchi nella pelle, dapprima sottili e temporanei, ma che si approfondiscono con il passare degli anni, diventando permanenti.
  • Secchezza della pelle: spesso è anche l’ambiente di vita causa secchezza delle pelle. È quindi importante mantenerla idratata con creme nutrienti.

Hai problemi di rughe? Leggendone le cause, a quali le attribuisci?

Il massaggio linfodrenante

Il massaggio linfodrenante

Oggi ti voglio parlare del massaggio linfodrenante e dei suoi benefici. È un massaggio che stimola il movimento dei fluidi linfatici del corpo, rimuovendo le tossine dai tessuti, ma riduce anche la pesantezza delle gambe, la ritenzione idrica, attiva la circolazione sanguigna e combatte la cellulite.

Con movimenti lenti e ritmici il massaggio facilita la rimozione delle tossine accumulatesi nei tessuti e il rilassamento muscolare, svolgendo un’azione tonificante sul tessuto connettivo e muscolare.

A cosa serve il massaggio linfodrenante?

Iniziamo col dire che è un massaggio adatto non solo alle donne, ma anche agli uomini, di ogni età.

Il massaggio linfodrenante punta ad aumentare l’efficienza del sistema linfatico e circolatorio, riducendo il volume di fluido trattenuto. In questo modo il sistema circolatorio può spostare rapidamente i liquidi trattenuti e gli accumuli di rifiuti tossici.

Il compito della linfa è trasportare ossigeno e nutrienti alle cellule, raccogliendo lungo il percorso le tossine e facendole scorrere attraverso i linfonodi. Grazie al massaggio linfodrenante si aumenta il flusso della linfa, favorendo così la rimozione delle sostanze tossiche. Potrai avere effetti benefici sulla salute generale, perché alla linfa è legato il corretto funzionamento del sistema immunitario.

Le sessioni avvengono in una stanza riscaldata e variano dai 30 ai 90 minuti. È consigliabile iniziare con una sessione di 60 minuti.

Il massaggio linfodrenante e i benefici sulla pelle

Abbiamo detto che aiuta a combattere la cellulite: aumentando il flusso sanguigno e la circolazione, aiuta il corpo a eliminare le tossine che causano la cellulite. Inoltre il massaggio linfodrenante può migliorare la struttura della pelle perché:

  • riduce il gonfiore
  • rende i pori della pelle puliti e sani
  • accelera la guarigione del tessuto cicatriziale, quindi potrebbe anche migliorare l’aspetto delle smagliature

Perché fare un massaggio linfodrenante?

Oggi sia uomini sia donne hanno inserito il massaggio linfodrenante nella loro routine quotidiana per la sua azione disintossicante e gli effetti benefici che dà. Questa tecnica infatti ha avuto efficacia anche per alleviare il dolore, per i problemi digestivi, per l’acne, per il senso di affaticamento, il mal di testa e i dolori articolari.

Se anche tu vuoi provare questo massaggio e i suoi vantaggi, contattami oggi per avere maggiori dettagli.

Quanti tipi di rughe esistono?

Quanti tipi di rughe esistono?

Oggi voglio parlarti di rughe. Sono una parte naturale del nostro corpo, eppure non le accettiamo, perché sono segni di invecchiamento della pelle, ma non solo. Già dai 20 anni le donne iniziano a preoccuparsi delle rughe e si informano su prodotti e trattamenti cosmetici per farle sparire.

Prima di trovare il modo per combatterle, dobbiamo conoscerle a fondo. Di norma le rughe si sono sempre suddivise in 2 grandi categorie:

  1. Rughe dinamiche: sono prodotte dai continui movimenti facciali, che creano sulla pelle delle pieghe, dei solchi.
  2. Rughe statiche: si formano quando la pelle, perdendo elasticità e collagene, si affloscia.

I 4 tipi di rughe

Sì, ben 4! Oggi è nata una nuova classificazione delle rughe.

  1. Linee increspate atrofiche: nascono quando la pelle perde collagene ed elasticità e la cute si rilassa. La causa principale è l’esposizione al sole, perché i raggi UV liberano i radicali liberi che combattono il collagene e l’elastina, rendendo la pelle meno compatta. Ecco perché è importante proteggere la propria pelle dal sole.
  2. Pieghe elastiche permanenti: sono linee che si formano in zone in cui la pelle assume naturalmente delle pieghe, come la base del collo, le labbra e le guance, e con l’età diventano permanenti. Tendono ad accentuarsi con una ripetuta esposizione ai raggi solari, ma anche il fumo è uno dei fattori che porta all’approfondimento di queste rughe.
  3. Linee di espressione dinamiche: sono rughe formate dalle normali espressioni facciali, insieme alla perdita di elasticità della pelle. Appaiono sulla fronte, a forma di zampe di gallina attorno agli occhi e agli angoli della bocca. Sono dovute ai movimenti dei muscoli facciali e, a meno che tu non voglia vivere senza alcuna espressione sul tuo volto, non puoi farne a meno.
  4. Pieghe gravitazionali: con l’avanzare dell’età la pelle si flette, perdendo collagene ed elastina, allontanandosi dal muscolo sottostante e creando pieghe, particolarmente evidenti su collo, guance e mento, ma possono comparire ovunque sul nostro corpo. Le zone del corpo che ricevono una maggiore esposizione alla luce del sole hanno una rugosità più forte.

Vuoi combattere le rughe?

Prima di tutto dobbiamo conoscerne le cause. Chiamami per un consulto e troveremo il trattamento cosmetico più adatto.

3 ulteriori trattamenti contro la cellulite

3 ulteriori trattamenti contro la cellulite

Il mese scorso ti ho parlato di 3 trattamenti per combattere la cellulite:

  1. Exa Rolling: fasce imbevute di dermocosmetici funzionali che migliorano il sistema linfatico.
  2. Termosauna: termocoperta che produce calore che migliorano la circolazione sanguigna e linfatica.
  3. Pressoterapia: massaggio a pressione con cuscini ad aria utile per il drenaggio e la circolazione.

Oggi completiamo il discorso con 3 altri trattamenti anticellulite che puoi scegliere per tornare ad avere una pelle liscia.

Ultrasuoni

Al centro estetico Samsara usiamo l’ultrasuono MYA di Cesare Quaranta, con l’elettrostimolazione nella stessa seduta. È un dispositivo per rimodellare e tonificare il corpo e contrastare la cellulite.

Ti applicherò 16 piastre a ultrasuoni nei punti critici. Il dispositivo MYA ha un duplice beneficio perché agisce sia con l’ultrasuono (effetto termico e micromeccanico) sia con l’elettrostimolazione (effetto elettromeccanico).

Il risultato è un lifting cutaneo che migliora l’ossigenazione e rivitalizza i tessuti del corpo, eliminandone le tossine. Si tratta di un metodo indolore che dà risultati apprezzabili già dal primo appuntamento.

EDP (elettrodermoporazione)

Il modellamento del corpo con l’elettrodermoporazione è un efficace trattamento estetico non invasivo, che si basa sulla trasmissione elettrica intercellulare: le sostanze idrosolubili penetrano nel derma favorendo l’idratazione e la rigenerazione cellulare.

È paragonabile a una liposcultura: modellerò la tua silhouette là dove è necessario, grazie anche all’attività dei dermocosmetici, un trattamento drenante che riattiverà la microcircolazione.

Guanto conduttivo

È un guanto rivoluzionario e innovativo, che permette alle mani dell’estetista di inviare nei tessuti impulsi transepidermici, di effettuare vari movimenti con le mani, stimolando il muscolo più in profondità.

Ma sono anche le sostanze attive funzionali ad agire sulle zone del corpo: una sinergia, quindi, fra movimenti del guanto e sostanze che rimodella e scolpisce. È un metodo rapido, che ti darà risultanti evidenti fin dalla prima seduta. Dopo un primo ciclo di trattamento vedrai la tua cellulite ridotta e la tua silhouette rimodellata.

Quale trattamento anticellulite preferisci?

Vieni a trovarmi nel mio centro o scrivimi e ne parleremo insieme, scegliendo il trattamento estetico più adatto alle tue esigenze.

Tu di che forma sei?

Tu di che forma sei?

Paragonare la forma della donna a un frutto non è certo l’ideale, ma si tratta purtroppo di silhouette frequenti, perché non tutte ingrassiamo negli stessi punti e per gli stessi motivi. L’accumulo di grasso può infatti esser dovuto allo stress, agli ormoni o legato alla genetica.

Vediamo insieme i 4 tipi di silhouette della donna.

Silhouette a mela

Cos’è una forma a mela?

  • Spalle più larghe delle anche
  • Fianchi stretti
  • Gambe snelle
  • Girovita ben definito

Il grasso si accumula nell’addome, nella schiena e nelle braccia. Questo aumento è causato dal cortisolo, l’ormone dello stress, quindi per preoccupazioni, ansie, periodi difficili della vita.

Di conseguenza aumenta la glicemia nel sangue e, se gli zuccheri non si smaltiscono, si trasformano in grasso.

Come eliminare la forma a mela?

Puoi fare dei trattamenti a ultrasuono e guanti conduttivi, esercizi per tonificare gli addominali e una dieta ricca di fibre, bevendo più liquidi e mangiando frutta fresca.

Silhouette a pera (o anfora)

Da cosa è caratterizzata la forma a pera?

  • Vita più ampia del busto
  • Pancia piatta
  • Fianchi larghi
  • Spalle più strette rispetto ai fianchi
  • Posteriore più pieno, con presenza di cellulite

Il grasso si accumula maggiormente su glutei e fianchi perché si abbassa la peptina, l’ormone proteico che regola le riserve energetiche. L’organismo quindi registra un impoverimento di queste riserve e il corpo reagisce aumentando la sensazione di fame e rallentando il metabolismo.

Come eliminare la forma a pera?

Puoi combattere questa cellulite localizzata con dei trattamenti concentrati per il rimodellamento del corpo. Massaggi che riattivino la circolazione sanguigna e linfatica, ultrasuoni ed elettroporazione.

Silhouette a banana (o rettangolo)

Come possiamo descrivere una forma a banana?

  • Spalle, vita e fianchi della stessa lunghezza
  • Busto medio-piccolo
  • Stomaco pieno, specialmente dopo la menopausa

Il grasso si accumula in tutto il corpo, come hai visto.

Come eliminare la forma a banana?

Ti consiglio una dieta ricca di proteine, per accelerare il metabolismo, e attività aerobica, per ridare armonia alla tua figura, puntando su glutei sodi e seno tonico.

Silhouette a clessidra

La figura a clessidra è invidiata da tutte le donne, perché il corpo è più sinuoso e ci fa apparire e sentire più femminili. La silhouette a clessidra è caratterizzata da:

  • Corpo formoso
  • Vita ben definita
  • Busto e anche piuttosto uniformi
  • Glutei e cosce allineati con le spalle
  • Fianchi e gambe pieni

Cosa fare se hai la forma a clessidra?

In questo caso la zona critica sono i glutei e i fianchi. Ti consiglio quindi di fare nuoto, dei massaggi linfatici ed eliminare sale e zucchero.

E tu di che forma sei? Fammelo sapere e troveremo insieme la soluzione più adatta.